Claudio Lolli al Concordi grazie a Facebook

“RIVOGLIAMO CLAUDIO LOLLI IN CONCERTO!”

IL POPOLO DI FACEBOOK SI MOBILITA, IL TEATRO DELL’AGLIO RISPONDE:

Al Concordi di Campiglia Marittima il primo concerto autogestito dalla rete

“Claudio Lolli fa pochi concerti? Le sue canzoni in radio si sentono raramente? E’ vittima di un ‘sotterraneo ostruzionismo’ mentre migliaia di fan vorrebbero riascoltarlo in teatro? Bene, rimbocchiamoci le maniche e organizziamo un concerto!”.

Con questa provocazione, lanciata su Facebook dal gruppo RIVOGLIAMO CLAUDIO LOLLI AL CLUB TENCO*, è partito un tam tam sulla rete per cercare una location disposta ad ospitare il primo concerto autogestito dal popolo del celebre social network. Obiettivo: riascoltare di nuovo dal vivo Claudio Lolli, maestro della canzone d'autore italiana da anni ai margini della scena musicale.

Man_Lolli_piccino

A raccogliere l’appello, il Teatro dell’Aglio che ha messo a disposizione il palco del Teatro Comunale dei Concordi di Campiglia Marittima (LI), gioiello ottocentesco in grado di ospitare fino a 200 spettatori. E così, sabato 2 ottobre, per la prima volta, un evento lanciato da una comunità virtuale si trasformerà in reale, per la gioia dei cultori della musica d’autore. Un concerto aperto a tutti, che sarà un’esperienza senza precedenti realizzata grazie alla collaborazione con Storie di note, etichetta musicale indipendente che promuove e produce musica italiana di qualità, e alla disponibilità del cantautore bolognese che ha accettato con entusiasmo l’invito, sorpreso dalla quantità di adesioni e dalla determinazione dimostrata dai fan.

Sul palco del Concordi, la magia della voce e la poesia dei testi di Lolli si intrecceranno con la ricercata linea melodica della chitarra di Paolo Capodacqua e con il suono caldo del sassofonista Nicola Alesini, superbo improvvisatore jazz alla perenne ricerca delle sonorità mediterranee più terse. Il Claudio Lolli trio proporrà un modo intrigante e raffinato di riscoprire il repertorio di uno degli artisti più significativi del panorama cantautorale italiano, per regalare una nuova forma d’arte, fatta di voce impegnata, liberi fiati e corde vibranti.

*Il gruppo RIVOGLIAMO CLAUDIO LOLLI AL CLUB TENCO è stato costituito su Facebook nel febbraio 2010 e conta già più di 2 mila contatti. Nasce per riunire i fan di Lolli e per contestare l’ostracismo subito dal cantautore ad opera degli organizzatori della celebre rassegna musicale sanremese. “Era il 1976 quando Claudio Lolli cantò e suonò per la prima volta alla rassegna Tenco. Poi ci furono fugaci apparizioni nel 1980, 1982 e 1988, poi...basta. In effetti Claudio non entrò mai a pieno regime negli eventi del Tenco, i cui organizzatori preferirono prendere come riferimento sistematico per le future rassegne i "compagni di bevute" Francesco Guccini, Roberto Vecchioni e pochi altri ancora, in una sorta di circolo che appariva..."quasi chiuso". Il carattere ombroso, scontroso di Lolli, il suo gravitare nell'ambito Anarchico, la sua poca malleabilità e la tanta coerenza forse lo misero in fuori gioco da quel gruppo di amici che gestiva negli anni ‘70 le sorti della Rassegna Tenco, che poi sono circa gli stessi che lo fanno ancora oggi. A questo aggiungiamoci pure una questione personale e privata tra Claudio Lolli ed Enrico de Angelis, direttore artistico della Rassegna Tenco, ed ecco che il quadro diventa completo, col solo risultato di non poter più incrociare Lolli sul leggendario palcoscenico del Club Tenco, un evento, tra le altre cose, auspicato da tantissimi innamorati della Storica Canzone d'Autore Italiana che vedono nel cantautore bolognese un punto fermo ed irrinunciabile della nostra memoria storica, poetica e musicale”.

(dal sito www.malinconicoblues-vinile.


Biglietto unico: 12 euro


Per informazioni e prenotazioni:

Gruppo su Facebook:

RIVOGLIAMO CLAUDIO LOLLI AL CLUB TENCO

Teatro dei Concordi, tel 0565 837028.

Lun e ven 9.30-12.30, mer 16.30-19.30

oppure mandaci una mail...

Ass.ne Nuovo Teatro dell'Aglio - p.iva 01165590496 CF 90005630497
designed by Maurizio Canovaro © 2007-2017